Quanto costa ristrutturare casa

Sia se abbiamo acquistato una nuova abitazione e sia se vogliamo rinnovare il look della casa in cui abitiamo capita a tutti prima o poi di affrontare i costi della ristrutturazione per portare negli ambienti una ventata di freschezza.
La prima domanda che sorge spontanea riguarda i costi della manodopera e dei materiali, questo per evitare di ritrovarci alla fine dei conti con costi sproporzionati che superano il nostro budget.

Se anche voi avete dubbi sui costi e volete chiarimenti in merito siete capitati nel posto giusto, infatti, oggi affronteremo nei dettagli le principali voci e i relativi prezzi di quello che compone il costo finale della ristrutturazione.

Prezzi ristrutturazione casa

I costi di cui vi parleremo sono comunque generici, poiché ci sono tante variabili in gioco come la tipologia di materiale impiegato che ci impedisce di fare una stima del tutto precisa e conforme alla realtà, tuttavia sono utili per farvi un’idea generale delle finanze di cui avrete bisogno per affrontare la ristrutturazione.
Ristrutturare casa è abbastanza vago, per dare un costo agli interventi di ristrutturazione bisogna individuare quali lavori eseguire, per questo abbiamo classificato le varie voci con i relativi prezzi. 
 

Costo demolizioni pavimenti e pareti
Per una ristrutturazione completa ci sarà bisogno della demolizione delle pareti interne ed eventualmente anche del pavimento. Demolire una parete non ha un costo eccessivo, pensate che i prezzi sono di circa 20€/mq per la demolizione di pareti e muri in calcestruzzo o mattoni forati mentre per la rimozione dei pavimenti è di circa 15€/mq.

Nella demolizione di un pavimento si può incorrere nella necessità di rimuovere del massetto per fare le tracce per un nuovo impianto. In questo caso i prezzi aumentano e possono arrivare a 25€/mq. Ricordate che nel preventivo per il costo della demolizione dovete farvi includere lo smaltimento e il trasporto di tali materiali.
 

Costo ricostruzione delle pareti
La fase successiva alla demolizione è la ricostruzione. Come ogni cosa il costo dipende dal materiale che sarà utilizzato. Per quanto riguarda le pareti interne fatte in cartongesso, il costo sarà pressappoco 35€/mq, mentre un muro realizzato con mattoni forati in laterizio e intonacato in ambo le parti costa circa 50€/mq.
 

Costo ricostruzione dei pavimenti
Prima di analizzare i costi per rifare il pavimento, bisogna scegliere la tipologia di rivestimento che vogliamo dentro la nostra casa. Se la scelta ricade sul parquet classico, il costo per posa e lamatura è di 22,5 euro al mq, mentre per il pavimento di marmo il prezzo lievita ed è di circa 75 euro al mq. 
Per quanto riguarda il costo della posa in opera di un pavimento generico 35×35 è di circa 15€/mq da aggiungere il costo delle mattonelle che mediamente si aggirano attorno ai 20€/mq.
 

Costo per nuovi impianti 
Il costo più alto nella ristrutturazione di una casa è dato dal rifacimento dell’impianto elettrico e idraulico.
Sono interventi che richiedono molta manodopera, in quanto ci sarà bisogno di fare le tracce e di montare cavi e tubazioni.
Escludendo il costo del riscaldamento e della caldaia, generalmente le spese dell’impianto idraulico di una casa di 50 mq è di circa 5000€, mentre per quanto riguarda l’impianto elettrico il suo costo è assoggettato a molto fattori tra cui la grandezza della casa, il numero delle prese, dei punti luce e degli interruttori.


Possiamo semplificare, considerando una spesa di 20€ per ogni punto luce e presa mentre il costo di 25€ per ogni interruttore. Un impianto che si rispetti deve avere il quadro elettrico, che ha un costo di circa 800€. Infine la manodopera per la stesura dei vari fili e il montaggio si aggira a circa 500€. Le spese di antenna e quelle telefoniche sono di circa 300 euro.
Nel costo degli impianti elettrici bisogna considerare anche i condizionatori, tenendo presente che per ogni elemento la spesa sarà circa di 400€.
 

Costo tinteggiatura pareti e soffitti
La tinteggiatura costa poco, in genere circa 7-10€ al mq per tinture classiche, il prezzo ovviamente subisce aumenti se si cercano pitture con tecniche specifiche e materiali pregiati. 
Una pittura colorata sarà più costosa di una parete bianca questo perché per avere un muro pitturato a regola d’arte il professionista dovrà passare prima due mani di pittura bianca e poi due mani di pittura del colore che si preferisce.
 

Costo porte, comprensivo d’installazione
Un’altra voce da considerare nella ristrutturazione della casa sono le porte. La tipologia di modello e materiale influisce molto sul prezzo.
Per darvi all’incirca un’idea dei costi possiamo dire che una porta in legno costa 150 euro mentre il suo montaggio costa all’incirca 50 euro. Se per esigenze particolari avete bisogno di porte su misura, bisognerà considerare dei costi più elevati che variano in base alle misure.
La scelta più frequente nei monolocali e per nelle abitazioni con spazi ridotti è la porta scorrevole perché evita l'ingombro dell'apertura. La porta scorrevole ha un fascino indiscusso ma il costo è molto più elevato, bisogna considerare circa 80-100 euro in più solo per il costo della porta rispetto a quella a battente, a cui va aggiunto il costo del telaio scrigno che si aggira attorno ai 160-180 euro.

 

Come ridurre il costo di ristrutturazione del 50%

Grazie alla legge di stabilità del 2017 è possibile godere di detrazioni fiscali per la ristrutturazione di casa, permettendo un risparmio pari al 50% fino a un massimo di 96.000€. Dal primo gennaio 2018 la detrazione tornerà alla misura ordinaria cioè quella del 36%, con un tetto massimo di 48.000 euro. Sono ammessi alla detrazione fiscali, i lavori di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria o lavori di ristrutturazione edilizia, per conoscere nei dettagli quali lavori di ristrutturazione sono ammessi vi consigliamo di consultare il sito delle Agenzie delle Entrate.

Quanto costa ristrutturare casaIl nostro consiglio
Ogni casa ha un esigenza diversa che richiede un preventivo preciso per questo vi consigliamo di chiedere a più ditte specializzate un calcolo dei costi dettagliato, senza dimenticare di far inserire lo smaltimento e il trasporto dei materiali demoliti nelle apposite discariche, che nel caso contrario diventerebbe complicato gestire.